Costruzione della BAITA del Gruppo Alpini Civezzano SECONDA FASE - Gruppo Alpini Civezzano

Vai ai contenuti

Menu principale:

Costruzione della BAITA del Gruppo Alpini Civezzano SECONDA FASE

Il Gruppo > LA "BAITA" > Tutta la Storia


COSTRUZIONE "BAITA DEGLI ALPINI"



SECONDA FASE

Durante l'inverno le formiche non cessano la loro attività, anzi all'interno del loro ambiente diventa più frenetica, in modo che con la bella stagione si possa dare inizio a nuova vita.
Così hanno fatto anche i nostri valorosi volontari, alpini ed amici, che portato a buon fine l'esterno della "Baita", hanno iniziato i lavori interni; dopo aver coperto con "nailon" finestre e porte, onde evitare almeno in parte, il vento ed il freddo pungente.
L'esperienza insegna che la parte più impegnativa e costosa nella costruzione di una casa sono i lavori interni, le rifiniture e gli impianti elettrici e di riscaldamento.
Il problema costi ha notevolmente impensierito la Direzione, ma fedeli al motto "Dio vede e Dio provvede" e stimolati dal vulcanico Capogruppo hanno deciso di affrontare anche questi impegnativi lavori.
Nei primi giorni di gennaio alcuni alpini ed amici hanno pensato di concedersi una vacanza ed accompagnati dall'onnipresente Capogruppo, sono partiti per i caldi lidi dell'America Latina, dell'Argentina, del Brasile, ecc ...
Nonostante ciò, 1'8 gennaio1997 si diede inizio a piccoli lavori interni, indispensabili per il proseguo dell'opera. Approfittando delle belle giornate e della disponibilità della mano d'opera furono gettate le arcate esterne ed il pavimento del magazzino.


SI INIZIANO I LAVORI INTERNI

Nel contempo iniziò anche il delicato e impegnativo lavoro dell'elettricista, aiutato dai soliti fedeli volontari che 10 precedevano nel preparare le tracce.
Il 31 gennaio gli idraulici Demattè Paolo, socio del Gruppo ed il fratello Claudio diedero inizio ai lavori di posa delle tubazioni e dell'allestimento del locale della centrale termica.
Questo lavoro ha impegnato i due solerti fratelli per alcune settimane e dato che il locale Asilo Infantile doveva essere abbattuto per ricostruirne uno nuovo, la Direzione dello stesso invitò il Gruppo Alpini a smontare tutto quel materiale che sarebbe potuto essere utilizzato per la costruenda "Baita".
Saggiamente il Capogruppo ed il consiglio non si lasciano sfuggire l'occasione e, sempre fedeli al "Dio vede e Dio provvede" il primo aprile una squadra di ben 14 alpini ed amici, diedero l'assalto alla scuola materna recuperando molto materiale elettrico, idraulico e sanitario.
Avendo avuto un'ulteriore assegnazione di legname dalla Foresta1e tramite l'ASUC, mercoledì 5 marzo una squadra composta da 11 volontari si è recata in località Montorzano ed hanno provveduto al taglio delle piante.
In seguito il socio Bepi Leonardi con il trattore ha recuperato sia i tronchi che le ramaglie, pulendo nel contempo il bosco.
Il giorno 13 marzo i lavori in cantiere vengono momentaneamente sospesi, anche per far riprendere fiato ai volontari.
Il pomeriggio del 24 marzo, una brutta notizia raggela non solo l'ambiente alpino ma tutta la comunità di Civezzano. Bepi Leonardi, il nostro carissimo amico e fedele collaboratore, è rimasto coinvolto in un gravissimo incidente stradale mentre usciva con la sua automobile dallo stabilimento Wirphool di Spini di Gardolo, dove aveva caricato un frigorifero per la "Baita".
Per il suo carattere estroverso, ma sempre pronto a dare una mano a chi avesse bisogno, Bepi Leonardi è conosciuto e stimato da tutti e quindi è concepibile il disagio e la costernazione che ha recato in tutti la brutta notizia.
Noi suoi amici del Gruppo Alpini di Civezzano, e credo tutta Civezzano, augurano al caro Bepi una pronta e completa guarigione.


 
 
 
 
 
 
-
22/08/2017
Torna ai contenuti | Torna al menu