Costruzione della BAITA del Gruppo Alpini Civezzano QUARTA FASE - Gruppo Alpini Civezzano

Vai ai contenuti

Menu principale:

Costruzione della BAITA del Gruppo Alpini Civezzano QUARTA FASE

Il Gruppo > LA "BAITA" > Tutta la Storia


COSTRUZIONE "BAITA DEGLI ALPINI"



QUARTA FASE


Dopo un breve periodo di rallentamento per permettere lo svolgimento di inderogabili impegni agricoli (vedi vendemmia, raccolta frutta, ecc ... ), i lavori al cantiere riprendono il normale ritmo con la speranza di essere presto in dirittura d'arrivo.
Una grave calamità ha colpito in questi giorni alcune province del centro Italia, dove un forte terremoto con uno sciame interminabile di scosse ha devastato interi paesi, chiese ed insigni monumenti.
I volontari sono sul piede di partenza e tra questi, come sempre accade, ci sono gli alpini ed gli amici degli alpini. Il Capo gruppo è già in fibrillazione e sta meditando di andare sul luogo del disastro con una squadra di volontari. Qualcuno è già partito con i Vigili del Fuoco Volontari, esempio incomparabile di dedizione al prossimo che soffre, e Civezzano in questo campo non è secondo a nessuno.
Ogni qualvolta si visita il cantiere si notano novità importanti che cambiano l'aspetto della "Baita" e ci fanno pensare a una non lontana conclusione dei lavori, anche se molto resta da fare.
È di questi giorni la messa in opera dei serramenti, porte e finestre costruite dalla falegnameria dei cugini Giovanetti di Cirè di Pergine, affezionati soci del Gruppo AN.A. di Civezzano.
Finalmente il grande desiderio del buon Marcello si è avverato e sabato 22 novembre 1997, con una squadra è partito per Valtopina e Belfiore (Umbria), paesi scelti dalla Provincia di Trento e dall'A.N.A per la loro ricostruzione. Onde evitare che qualche maligno censore possa imputarmi di eccessivo campanilismo nei confronti sia del Gruppo Alpini che del volontariato Civezzanense, in generale penso che i fatti descritti in questa memoria siano più che evidenti e motivo di una seria meditazione.
Approfittando delle belle giornate di questo ultimo scorcio d'autunno, il solito gruppo di fedeli cirenei ha continuato a lavorare presso il cantiere.


LAVORI ALL'INTERNO DELLO SPACCIO

Così si è provveduto alla costruzione del muro perimetrale divisorio a sud del fabbricato, al muro di contenimento del terrapieno per lo scivolo per invalidi ed altri lavori di sistemazione del terreno nei dintorni delle "Baita".

In adempimento alla norma prevista dal regolamento Sezionale, sabato 17 gennaio 1998 è stata convocata l'Assemblea generale elettiva per il biennio 1998 - 1999.
Molti i punti all'ordine del giorno, alcuni anche determinanti per la vita sociale del gruppo, come l'inaugurazione della "Baita" ed i grandi festeggiamenti per il 70° di fondazione del Gruppo, che si terranno in autunno.
Oltre alle varie ed interessanti relazioni sulla movimentata e laboriosa vita associativa c'è anche stata la nomina del Capogruppo .
A scrutinio segreto il Cav. Marcello Casagrande è stato riconfermato Capogruppo, come pure l'intero consiglio direttivo, con l'aggiunta di un giovane che fa ben sperare per la continuità del Gruppo stesso.
Nonostante il maltempo i lavori intorno e dentro la "Baita" sono continuati, specialmente nella costruzione di muri con "pietre a vista" dove è seriamente impegnato il buon Bepi Leonardi.
Per dovere di cronaca, gran parte delle pietre proviene dalle cave di "Pila", e non poteva essere diversamente data la vicinanza e l'abbondanza di detto materiale.
Approfittando della presenza in cava di alcuni consiglieri, venne fatta un'ispezione a largo raggio in cerca di un blocco di pietra che si prestasse, dopo la necessaria lavorazione, alla costruzione del tanto sospirato Monumento ai Caduti.
La perlustrazione ha dato i suoi frutti individuando un blocco omogeneo di 340 cm di altezza e di 120 cm larghezza, del peso approssimativo, secondo gli esperti, di circa 90 quintali.
Con il benestare dei responsabili della cava e grazie alla loro disponibilità, il blocco è stato trasportato nel cantiere della "Baita" con il trattore di Leonardi Giuseppe.
Ora spetta alla Direzione, sentito il parere del capocantiere geom. Pedrotti, stabilire il luogo ove verrà sistemato.
Il posto ideale per la messa in opera del "Monumento" sembra già individuato all'estremo nord del piazzale, in un naturale anfiteatro tra gli alberi e con quella pace che è dovuta al culto dei morti.
Ora spetta al geom. Pedrotti stabilire il posto esatto e le modalità tecniche di costruzione.
Il lavoro alla "Baita" intanto continua con alacrità, sia all'interno con le rifiniture ai servizi, che all'esterno.
Il lavoro più importante e in parte già portato a termine, è stato la costruzione dei servizi igienici all'esterno, indispensabili in occasioni di feste campestri, e di alcuni magazzini per il deposito di materiale.
Nell'ampio magazzino sito nel seminterrato sono stati predisposti dei capaci scaffali lungo tutte le pareti, che daranno la possibilità di sistemare, almeno in parte, il cospicuo materiale di proprietà del gruppo.
Come previsto nei disegni approvati per la costruzione della "Baita", sul lato est della stessa e al limitare del bosco, sono già iniziati i lavori di approntamento del terreno per la successiva costruzione di un campo "bocce" regolamentare.
Dopo una assenza abbastanza lunga, sabato 16 maggio, accompagnato dal Capogruppo, ho visitato il cantiere della "Baita".
Non c'era nessuna formichina in attività, ma il lavoro di rifinitura sia all'interno che all' esterno, era ben evidente. Ormai la struttura sta prendendo la forma definitiva e malgrado ci sia molto da fare, gli addetti sono abbastanza ottimisti per approntare la "Baita", piazzale e Monumento ai Caduti entro la data fissata per l'inaugurazione.
Per quanto riguarda la lavorazione della pietra per il Monumento, l'onere è stato assunto da un marmista provetto: il socio Piergiorgio Lunelli, mentre la base e l'area circostante è in mano al Capocantiere geom. Pedrotti Alvaro. Invogliati dal lusinghiero successo anche economico degli scorsi anni, su invito del Comitato degli studenti universitari, la direzione del Gruppo ha accettato di organizzare anche quest'anno, precisamente il 30 maggio 1998, il ristoro della grande festa goliardica di Mesiano.
"Dio vede e Dio provvede" è lo slogan del tesoriere Molinari Ettore, sempre preoccupato per le finanze del Gruppo. E Dio premiò questi instancabili volontari, con una stupenda giornata di sole e con soddisfacente esito finanziario. Nel piazzale della "Baita", debitamente preparato, è stata seminata l'erba, che ora, anche a causa delle benefiche piogge, fa bella mostra di sè e si spera che per la grande festa autunnale diventi un rigoglioso prato.
Con l'avvicinarsi della grande festa dell'inaugurazione, i lavori dentro e fuori la "Baita sono diventati frenetici.
Tutti i giorni, fino ad ora tarda della sera, c'è sempre un nucleo di volontari al lavoro.
Anche se la responsabilità maggiore, come è ovvio, pesa sulle spalle del Capogruppo, tutti si sentono maggiormente impegnati sia nel lavoro manuale, sia nella non facile organizzazione della festa.
Ogni componente delle Direzione si è assunto un ben preciso compito da portare a termine, così che il peso delle responsabilità è equamente ripartito.


Il fermento del Gruppo viene dimostrato dal susseguirsi di riunioni di direzione allargate talvolta a personalità importanti dell'Associazione Alpini di Trento come il Vicepresidente Dott. Demattè, il quale, oltre che alle sue origini Civezzanensi, è portatore di una vasta esperienza organizzativa.
Trattandosi di tale manifestazione, in tale ambito si svolgeranno varie cerimonie, precisamente:

1. Benedizione del nuovo Monumento ai Caduti
2. 70° anniversario di fondazione del Gruppo
3. Benedizione ed inaugurazione della "Baita"
4. Dedica del Gruppo alla "M.O. Stefenelli Ferruccio"
5. Festa della "Zona Sinistra Adige"

L'organizzazione deve essere molto accurata, vista la grande partecipazione di Gruppi provinciali ed extra regionali. Come prova generale, che serve per collaudare la macchina organizzativa per il grande raduno di fine settembre, in occasione della Sagra del paese ( 15 agosto ), ci saranno tre giorni di festa che la Direzione ha già programmato.


 
 
 
 
 
-
22/08/2017
Torna ai contenuti | Torna al menu